libertà religiosa affissione Crocefisso

libertà religiosa affissione Crocefisso
[15] [bullshit! Imperialism Sharia Caliphate of the world can not be stopped peacefully! ] Bullshit! If the Pharisees Anglo-ameicani spa IMF offered on a silver platter to Saudi Arabia ie for kill Israel Europe why Saudi Arabia should they refuse? was very clear a Saudi minister with me said “like the Pharisees they did kill Jesus by Romans at the same time too have permitted us to kill the Christians! 11/29/2013 #MIDDLE EAST No to radicalism yes to an “enlightened” Islam. Saudi Arabia’s Wahhabism and Salafism are a “ticking bomb” and “a volcano. ” It is important to promote a form of Islam that is more open to dialogue with contemporary cultures. Steps for peace in Syria and Iran give hope to Christians. Beirut (AsiaNews) – At a time when Eastern Christians wonder about their future a virtuous cycle has started to emerge in the Middle East. Its first symptom was the decision of the United States and France to abandon “punitive strikes” against Syria which might have triggered a regional and who knows perhaps a world conflict so that for a few days the world was on the brink. This was followed by the decision to eliminate Syria’s chemical stockpile under international supervision. Monday’s agreement on the Iranian nuclear programme is part of this trend. Something new is happening and for some it cannot be dissociated from the day of prayer and fasting on 7 September and the Pope’s call for peace in Syria and the Middle East.
If we consider that a date for the second Geneva peace Conference on Syria has been picked and that the US Secretary of State has been hard at finding a solution to the long-standing Israeli-Palestinian dispute we can only hope these early blossoms may in turn herald a new spring.
For a Lebanese political scientist who asked for his name to be withheld these developments are not only political but come with a cultural shift that ought to lead to Islam’s renewal. In his view this partly explains President Obama’s “unexpected and surprising” opening to Iran.
“Whether we like it or not Sunnis who represent some 75 per cent of the world’s Muslims must engage in self-renewal the expert said. This is a must an absolute urgency in light of the vastness of the Muslim world with its growing importance not only in Asia and Africa but even in Europe as well as of the development of globalisation which is forcing cultures societies and economies to meet in what is becoming day by day a “global village”.
President Barack Obama the political scientist added has come to realise that one of the essential conditions for Islam to renew itself is that it should not be attacked frontally and massively from and by the “outside” world.
Hence Bush-style “crusades” are unnecessary and harmful not only for the future of America but also for that of the world which depends in part on the peaceful and harmonious interaction between Muslims and others.
What Obama and others are beginning to understand he explained is that Wahhabism and Salafism are the most rigid currents Islam has ever known. Yet because of Saudi Arabia which control Islam’s Holy Sites and a huge financial windfall Wahhabism has gone from being the worldview of a sect of a handful of tribes settled in Nejd from the late 18th century to the early 20th century to one that is now shared by tens of millions of people.
Admittedly not all of them are taking up arms but many of them are ‘jihadisable’ if certain conditions are met like a fatwa by an influential alim (Islamic religious scholar) and the availability of weapons materiel and financial resources etc. Potentially Salafism has become a ticking bomb or a volcano that could erupt at any time in the face of the world. So if the US and other Western political leaders are really interested in humanity’s progress and future and want to see the blossoming of an “enlightened Islam” they should urgently start encouraging other forms of Islam. This is what they are now doing with Iran the centre of Shia Islam. However they know that it is even more important to encourage currents even in Sunni Islam that interpret the sacred Islamic texts in ways that are consistent with the harmonious meeting of cultures.
Overall recent political developments in the region may be the harbinger of a geopolitical and cultural mutation as evinced by the virtuous cycle whose effects we have recently seen. If we follow this reasoning these developments should make us cautiously optimistic about the future of the region and reassure Christian communities despite atrocities committed everywhere particularly in countries such as Syria Egypt and Iraq.
At the same time the various Eastern Churches should take a cue from Pope Francis who has ‘ humbly ‘ called on Muslim countries to respect the religious freedom of Christians (see Evangelii gaudium n. 253) and give Christianity the right to exist within their borders as some are already doing.

November 29 VIENNA suspended for 6 months some activities nuclear FOR Iran controversial as provided in the Agreement with the powers of the 5 +1 begin’ in late December early January. The ambassador said today Tehran Aiea said # # Reza Najafi in Vienna – ISRAEL WHAT IS THIS SHIT? IF YOU DO NOT GIVE UP THE SHARIA FOR DOING THE SECULAR STATE THEN YOU ARE DEAD HOWEVER AND THE HUMAN RACE IS IN DANGER WITH YOU BUT WHILE THE HUMAN RACE SURVIVE FOR revenge YOU. THEN YOU WILL EXTINGUISH! THEREFORE IT IS NOT THE NUCLEAR (THAT SHOULD NEVER HAVE) THE REAL PROBLEM! WHEN YOU burnest THE ARAB LEAGUE? THEN YOU KNOW DEAD ALREADY! OTHER I WILL DO IT FOR YOU!. but as your fathers were not able to escape to Hitler well you can not escape to Rothschild – FAREWELL ISRAEL

These jackals #pirates #murderers #Indian Government have not yet understood the gravity of the situation! Nia has kill them their fishermen (coincidentally ) Catholics from ( coincidentally ) on the vessel San Antony as pirates hinduists for satan to steal the Italian State but they could not know that the weapons of the rifle were experimental weapons then the proverb says “the devil Hindu ago the pot but do not make the cover! ” ]]

[My YHWH — why Been satanists be Hindu? they are not ignorant! # Nia Has renegade The Teachings of Gandhi # Nia Has Violated the “His Act ” that have killed the two Catholic Indian fishermen near the harbor burning to have deliberately committed an act of piracy gainst the innocent tanker # Enrica Lexie. and against the Italian government. To be hinduists become Satanists? They are not ignorant! They know the law and they know That For Their law of “#His Act ” I Unius REI I condemned them all to death. According to The Times #Hindustan investigators have presented on Monday at the Ministry of the Interior in Which report calls to prosecute two soldiers based of His Act Which represses maritime piracy with the death penalty. News to Which the envoy of the Italian Government Staffan de Mistura replied “We are ready for any eventuality with moves and countermoves. ” The Ministry of the Interior would have been ” embarrassed ” about the decision of the marines Nia says The Economic Times. “In the face in this Particular situation – the newspaper – the interior minister plans to transfer the case to # # Attorney General for a legal opinion. ” Will he as the spokesman of the Ministry of Foreign Affairs Indian “to give a decisive opinion on the definition of the accusations. ” The two riflemen Italian Massimiliano Latorre and Salvatore # # Girone are charged with the murder of two fishermen February 15 2012. The newspaper Has received confirmation last night of delivery of the report by the Ministries of Interior Foreign Affairs and from the same #Nia. A few weeks four riflemen of Italian Enrica Lexie were heard by videoconference by Indian police. According to the ballistics on the body of fishermen killed bullets # incompatible with the weapons supplied to Latorre and round. [ [ Why Nia Who has murdered fishermen point- blank and intimidated the crew Has Could not have known That the weapons of the riflemen were an experimental weapons!]] And since the American Satanists have the recordings the plot of this murder then If These recordings emerge the international community will be forced to declare war against India! This my LONGING! Because These Hindus have become so satanic? [ India Has become a threat to the international community to say ]

4. Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio Sez. III Bis
Sentenza 23 luglio 2003 n. 8128
Il Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio Sez. III bis
composto dai signori Magistrati
Luigi COSSU Presidente
Eduardo PUGLIESE Consigliere
Vito CARELLA Consigliere
ha pronunciato la seguente
SENTENZA sul ricorso n. 6621 del 2003 proposto da UNIONE MUSULMANI D’ITALIA con sede in Palestrina
(RM) in persona del presidente e legale rappresentante Adel Smith rappresentata e difesa dall’avv.
Nicola Recchia presso il quale domicilia in Rieti Via delle Ortensie n. 36;
CONTRO
• il Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca;
• il Ministero della Salute;
• il Ministero dell’Interno in persona dei rispettivi Ministri p. t. rappresentati e difesi ex lege
dall’Avvocatura Generale dello Stato presso la quale domicilia in Roma Via dei Portoghesi n. 12;
AVVERSO
il silenzio dei predetti Ministeri a seguito degli atti di diffida tutti datati 3 marzo 2003 ad assi notificati in
data 4 e 5 marzo 2003.
Visto il ricorso con i relativi allegati;
Visto l’atto di costituzione in giudizio delle Amministrazioni intimate;
Vista la memoria prodotta dalle parti resistenti a sostegno delle loro difese; Visti gli atti tutti della
causa;
Udito alla Camera di Consiglio del 23 luglio 2003 il relatore Consigliere Eduardo Pugliese e uditi
altresì l’avv. Nicola Recchia per la ricorrente e l’avv. dello Stato Agnese Soldani per le amministrazioni
resistenti.
17
Ritenuto e considerato in fatto e in diritto quanto segue
FATTO
Con ricorso notificato alle Amministrazioni in epigrafe indicate il 30 maggio 2003 e depositato nei
termini la ricorrente Unione Musulmani d’Italia chiede a questo Tribunale che voglia “annullare il
silenzio del Ministero dell’Università e Ricerca del Ministero della Salute e del Ministero dell’Interno
alle diffide loro inoltrate e sopra meglio specificate (notificate il 4 e 5 marzo 2003) nonché ordinare al
Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca al Ministero della Salute ed al Ministero dell’Interno di
provvedere sugli atti di diffida loro rispettivamente notificati entro il termine di cui all’art. 21 bis L.
1034/1971”.
Con tali atti i Ministeri appena indicati sono stati diffidati ed invitati a rimuovere dai locali di rispettiva
competenza quel particolare tipo di simbolo religioso costituito dal crocifisso.
Lamenta in particolare la ricorrente il fatto che pur essendo la chiesta attività da parte di dette P. A.
“doverosa in ragione delle motivazioni tutte compiutamente esposte negli atti di diffida ai quali
tuttavia non è stato dato seguito alcuno” “i Ministeri prima detti sono rimasti del tutto inerti in tal modo
ponendo in essere una palese violazione di legge per tramite del loro comportamento del tutto
omissivo”.
Si costituiva in giudizio in nome e per conto delle Amministrazioni intimate l’Avvocatura generale
dello Stato che con memoria del 19 luglio 2003 chiedeva la reiezione dell’interposto gravame ed
eccepiva preliminarmente l’inammissibilità del ricorso per carenza dei presupposti di formazione del
silenzio rifiuto.
Alla Camera di Consiglio odierna la causa veniva spedita in decisione.
DIRITTO
Con il ricorso in epigrafe indicato la ricorrente Unione Musulmani d’Italia impugna il silenzio rifiuto che
si sarebbe formato su propri atti di diffida – tutti datati 3 marzo 2003 notificati ai Ministeri
dell’Istruzione Università e Ricerca della Salute e dell’Interno rispettivamente in data 4 marzo 5
marzo e 4 marzo 2003 – perché ciascun Ministero provvedesse “ad adottare nei termini di legge ogni
atto e provvedimento necessario ed idoneo ad assicurare la rimozione da tutti i locali pubblici
ricompresi negli uffici di competenza dei crocifissi ivi esposti”.
Il ricorso è inammissibile essendo fondata ed assorbente l’eccezione in proposito sollevata in
memoria dall’Avvocatura generale dello Stato relativa a “carenza dei presupposti di formazione del
silenzio rifiuto”.
E’ giurisprudenza ormai univoca e costante nel tempo dei TT. AA. RR. e del Consiglio di Stato quella
secondo cui il procedimento di formazione del silenzio rifiuto è regolamentato dall’art. 25 del T. U. delle
disposizioni sugli impiegati civili dello Stato approvato con DPR 10 gennaio 1957 n. 3.
Detto articolo dopo aver previsto al primo comma che “l’omissione di atti e di operazioni al cui
compimento l’impiegato sia tenuto per legge o per regolamento deve esser fatta constare da chi vi ha
interesse mediante diffida notificata all’impiego e all’amministrazione a mezzo di ufficiale giudiziario”
stabilisce in particolare al comma successivo che “quando si tratti di atti o di operazioni da compiersi
ad istanza dell’interessato la diffida è inefficace se non siano trascorsi sessanta giorni dalla data di
presentazione dell’istanza stessa”.
Ciò posto è agevole osservare come nel caso specifico in cui si versa indubbiamente in un’ipotesi di
cui al citato secondo comma la sequenza procedimentale disegnata dalla norma (e cioè
presentazione dell’istanza dell’interessato; inerzia dell’Amministrazione per almeno 60 gg. dalla
presentazione dell’istanza stessa; formale diffida ad adempire notificata a mezzo di ufficiale
18
giudiziario; ulteriore inerzia dell’Amministrazione per ulteriori 30 giorni) non sia stata rispettata posto
che parte ricorrente – così come si evince dagli atti di causa nonché dalla stessa prospettazione
fattane in ricorso – si è limitata a notificare a mezzo di ufficiale giudiziario una diffida ad adempire
“significando altresì che in mancanza si procederà in via giurisdizionale” così facendo mancare si
osserva proprio quel primo indispensabile anello della catena procedimentale.
L’omissione di che trattasi – come ben osservato dall’Avvocatura generale dello Stato nella memoria
difensiva depositata nell’imminenza dell’odierna Camera di Consiglio – comporta che nessun
procedimento amministrativo è iniziato e dunque nessun obbligo di provvedere a carico della Pubblica
Amministrazione è mai sorto tanto più che a ben vedere il vero e proprio “silenzio procedimentale”
non è tanto quello relativo al periodo intercorrente tra la notifica della diffida ed i 30 giorni successivi
quanto piuttosto quello relativo al periodo intercorrente tra la proposizione dell’istanza a provvedere
ad iniziativa del privato ed i successivi giorni entro i quali l’Amministrazione pur essendo tenuta a
provvedere non provveda così rimanendo inerte in altri termini perché si abbia silenzio
giurisdizionalmente impugnabile l’inerzia dell’Amministrazione ((beninteso nell’ipotesi di cui al
secondo comma) è da individuarsi non solo con riferimento ai 30 giorni successivi alla diffida
(necessari laddove la Pubblica Amministrazione non abbia provveduto dopo l’iniziale istanza) ma
anche ed in primo luogo con riferimento agli iniziali 60 giorni successivi all’istanza ad adempiere
senza che l’Amministrazione abbia adempiuto.
Deve quindi concludersi con la predetta Avvocatura che trattandosi dunque nel caso di specie di
procedimento ed iniziativa de privato e non d’ufficio laddove non vi sia stata l’iniziale istanza di che
trattasi è il procedimento stesso a venire a mancare e se non vi è procedimento non può esservi
neanche provvedimento con la conseguenza che il soggetto volta per volta interessato non può
dolersi di alcun silenzio provvedimentale.
Il ricorso va dunque dichiarato inammissibile ma si rinvengono sussistere giusti motivi perché sia
disposta l’integrale compensazione tra le parti delle spese delle competenze e degli onorari di causa.
P. Q. M.
Il Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio – Sezione III bis – dichiara inammissibile il ricorso
indicato in epigrafe e compensa le spese.
Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall’Autorità Amministrativa.
Così deciso in Roma nella Camera di Consiglio del 23 luglio 2003.
Il Presidente Luigi COSSU
Il Consigliere est. Eduardo PUGLIESE
5. Avvocatura dello stato di Bologna Parere 16 luglio 2002
Crocifissi in aule delle scuole dell’obbligo
Dispone l’art. 118 R. D. 30. 4. 1924 n. 965 relativamente agli istituti di istruzione media (in senso analogo
a quanto previsto dell’Allegato C R. D. 26. 4. 1928 n. 1927 relativamente agli istituti di istruzione
elementare) che ogni aula abbia l’immagine del crocifisso.
Con parere n. 63/1988 del 27 aprile 1988 il Consiglio di Stato Sez. II dopo aver premesso la
necessità sotto il profilo interpretativo di tenere distinta la normativa riguardante l’affissione
dell’immagine del crocefisso nella scuola da quella relativa all’insegnamento della religione cattolica si
è occupato di stabilire se le disposizioni citate le quali consentono l’esposizione dell’immagine del
Crocefisso nelle scuole siano tuttora vigenti oppure siano da ritenere implicitamente abrogate perchè
in contrasto con il nuovo assetto normativo in materia derivante dall’Accordo con protocollo
addizionale intervenuto tra la repubblica Italiana e la Sante Sede con il quale sono state apportate
modificazioni al Concordato Lateranense dell’11. 2. 1929.
19
Il Consiglio di Stato ha affermato che le norme contenute nei citati arti. 118 R. D. n. 965/24 e R. D.
1297/28 sono tuttora vigenti e non possono essere considerate abrogate implicitamente dalla
regolamentazione concordataria sull’insegnamento della religione cattolica derivante dall’Accordo
con protocollo addizionale intervenuto tra la Repubblica Italiana e la Santa Sede di modifica al
Concordato Lateranense dell’11. 2. 1929.
Ha argomentato il Consiglio di Stato infatti premesso che “il Crocefisso o più esattamente la Croce
a parte il significato per i credenti rappresenta il simbolo della civiltà e della Cultura cristiana nella
sua radice storica come valore universale indipendentemente da specifica confessione religiosa” “le
due norme citate di natura regolamentare sono preesistenti ai Patti Lateranensi e non si sono mai poste in contrasto con questi ultimi.
Nulla infatti viene stabilito nei Patti Lateranensi relativamente all’esposizione del Crocefisso nelle scuole o più in generale negli uffici pubblici nelle aule dei tribunali e negli altri luoghi nei quali il
Crocefisso o la Croce si trovano ad essere esposti.
Conseguentemente le modificazioni apportate al Concordato Lateranense con l’accordo ratificato e reso esecutivo con la Legge 25 marzo 1985 n. 121 non contemplando esse stesse in alcun modo la
materia de qua così come nel concordato originario non possono influenzare nè condizionare la vigenza delle norme regolamentari di cui trattasi.
“Non si è quindi tuttora verificata nei confronti delle medesime alcuna delle condizioni previste dall’art. 15 delle disposizioni sulla legge in generale. In particolare non appare ravvisabile un rapporto
di incompatibilità con norme sopravvenute nè può configurarsi una nuova disciplina dell’intera materia
già regolata dalle norme anteriori.
“Occorre poi anche considerare che la Costituzione Repubblicana pur assicurando pari libertà a
tutte le confessioni religiose non prescrive alcun divieto alla esposizione nei pubblici uffici di un
simbolo che come quello del Crocefisso per i principi che evoca e dei quali si è già detto fa parte del
patrimonio storico.
“Né pare d’altra parte che la presenza dell’immagine del Crocefisso nelle aule scolastiche possa
costituire motivo di costrizione della 1ibertà individuale a manifestare le proprie convinzioni in materia
religiosa.
“Conclusivamente quindi poichè le disposizioni di cui all’art. 118 del R. D. 30 aprile 1924 n. 965 e
quelle di cui all’allegato C del R. D. 26 aprile 1928 n. 1297 concernenti l’esposizione del Crocefisso nelle scuole non attengono all’insegnamento nella religione cattolica nè costituiscono attuazione
degli impegni assunti dallo Stato in sede concordataria deve ritenersi che esse siano tuttora legittimamente operanti”.
Tale orientamento interpretativo è coerente del resto con l’interpretazione data dalla Corte Costituzionale degli arti. 2 3 7 e 19 Cost. dalla giurisprudenza della Corte Costituzionale (sentenza
nn. 203 del 1989; 13 del 1991; 290 del 1992) emerge in particolare che gli arti. 3 e 19 Cost tutelano i
valori di libertà religiosa nella duplice specificazione di divieto a) che i cittadini siano discriminati per
motivi di religione; b) che il pluralismo religioso limiti la libertà negativa di non professare alcuna
religione. Tali valori concorrono con altri (artt. 2 7 8 e 20 Cost. ) a struttura il principio di laicità dello
Stato che non implica indifferenza dello Stato dinanzi alle religioni ma garanzia dello Stato per la
salvaguardia della libertà di religione in regime di pluralismo confessionale e culturale (casi
testualmente sent. n. 203).
La Corte di Cassazione (Sez. 111 13. 10. 1998) ha affermato in particolare che non contrasta con il
principio di libertà religiosa formativa della Costituzione la presenza del Crocefisso nelle aree
scolastiche “Il principio della libertà religiosa infatti collegato a quello di uguaglianza importa
soltanto che a nessuno può essere imposta per legge una prestazione di contenuto religioso ovvero
contrastante con i suoi convincimenti in materia di culto fermo restando che deve prevalere la tutela
20. della libertà di coscienza soltanto quanto la prestazione richiesta o imposta da una specifica
disposizione abbia un contenuto contrastante con l’espressione di detta libertà condizione questa
non ravvisabile nella fattispecie” nella quale si discuteva della lesività del principio di libertà religiosa
proprio ad opera dell’esposizione del crocefisso nell’aula scolastica adibita a seggio elettorale. Conclusivamente dunque
1) le disposizioni che prevedono l’affissione del Crocefisso nelle aree scolastiche vanno ritenute ancora in vigore;
2) l’affissione del Crocefisso va ritenuta non lesiva de! principio di libertà religiosa. A cura di Alessandro Toniolo

libertà religiosa affissione Crocefissoultima modifica: 2013-12-26T09:16:16+00:00da unius-rei
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento